Archive for 2007

Figlia mia, come ti sei imputtanita!

200px-carmrusso19851.jpgOggi

fessa    12
figa con pelo    4
chiavate    4
pompino a cavallo    3
chiavare foto    2
daniele interrante pompino piscio    2
armadio in rovere    2
foto pompini al cavallo    2
chiavare immagini    2
emule planet adult    1

Ieri

fessa    5
chiavate    3
peni eretti    3
foto gratis di pompini ad animali    3
figa pelo grosse    2
donne spanate    2
video chiavate    2
video fa un pompino a cavallo    2
attrici famose dalla fica pelosa    2
figa fa pompino a un cavallo    2

L’altro ieri

fessa    8
figa spanata    4
chiavate    4
pelo e figa    3
pompino a cavallo    3
chiavare    3
animalsex    3
pompini ad animali    3
fica spanata    3
peni eretti    3
chiavare fica    2
sventola di fica    2
foto della minchia    2
foto o video di ragazze dai 16 a 23 anni    2
pelo sulla figa    2
“tette blog”    2
ragazze con fica dilatata    2
immagini di donne fcon la fessa pelosa    1
fare il militare � usurante?    1
blog foto pompino    1
senza laurea a 24 anni    1
chiavare con cavallo    1
pompino in piscina    1
foto o immagini della fica di cicciolina    1
VIDEO GRATIS DI CICCIOLINA CHE CHIAVA CO    1

Comments (5) »

Il miglior afrodisiaco per un uomo è una donna nuova

Oggi

fessa    7
lorimeri    2
figa spanata    2
carne    2
video cicciolina che chiava    2
a cosa serve il giornale    1
foto and chiavata and cavallo    1
pompini cicciolina foto gratis    1
chiavare foto    1
pompino a un cavallo    1

Ieri

fessa    7
chiavate    4
sperma colante dalla fica    2
animalsex blog    2
figa spanata    2
figa spanata gratis    2
pompino cavallo    2
chiavate con cavalli    2
donne che fanno pompini ad animali con i    2
la grande chiavata    2

Leave a comment »

Lorena Bobbit italiana… (aka goccIe di sperma, perché)

Oggi

fessa    14
figa spanata    3
peni eretti    2
FESSA    2
chiava    2
RoboSuck    2
pompino a un cavallo    1
cicciolina che si tromba un cavallo    1
foto pompini università    1
un pompino a un cavallo    1

Ieri

fessa    3
estasi della carne    2
tabacchiere    2
un buon avvocato    1
chiavate tra donne e bestie    1
“lorena bobbit italiana”    1
animalsex blog    1
pergamena laurea    1
goccie di sperma, perche`    1
cercasi pucchiaccona    1

Comments (4) »

Armadio in rovere (aka il predominio della fessa continua)

Ma oltre alla fessa ci sono alcuni spunti degni di nota

Oggi

fessa    6 Sempreverde
fessa pelosa    5 Semprepelosa
chiavando con cavallo gratis    2 Ecco questo è uno spunto notevole
“fabrizio corona”+ mafioso    1 Minghia!
stipendio medio laureato informatica    1 Moooolto basso, fidati
come è fatta la pergamena    1 E un bel chissenefrega?
Donne da chiavare e far pompini    1 La razza migliore
vagina spanata    1 Avanti c’è posto
peni eretti    1 Guardando l’infinito

Ieri

fessa    11 Sempre lei
piercin    3 Mmm…
chiavare    2 Sì, chiavare, evitando le tette più dure…
chiavate dal cavallo    2 Animalsex a go-go
chiavata    1 Evviva la vì evviva la vì evviva la vìììììta…
canzone 1990    1 E la cerchi qui?
..fessa    1 Coi puntini davanti ha un fascino ancora più intrigante
video chiavata    1 Con 3 chiavi e videochiavi gratis
La visione della fica da vicino    1 Sono stato a Cuba, ho visitato il Chiapas…
clitoride    1 E il clito rise (di Arturo Bandini)

Comments (2) »

Lei è un po’ debilitata perché ha la figa spanata

La “fessa” domina indiscussa.

Oggi

fessa    5
minchia foto    1
me ne fotte un cazz    1
pompini statistiche    1
tutto sui pompini    1
l imagine della pecora piu pelosa del mo    1
pompino sotto la scrivania video    1
FESSA    1
Pompino ad un cavallo    1
pucchiaccona    1

Ieri

fessa    8
minchia in vagina    2
peni eretti    2
cazzo e fessa chiavata video    2
metro di napoli    1
tette blog    1
animalsex come fare un pompino    1
musica del 1990    1
bagnate vaginali    1
chiavata da un cavallo    1

Comments (5) »

L’amore con l’amore si caga

Sconvolgente verità di Internet.  Le cose più cercate di ieri sono: la fessa (immancabile), i pompini (sempreverdi) e… le pergamene. MA CHE CAZZO CERCATE? Ciulare mai, eh?

Ieri

fessa    7
piercing fessa    1
tutto sui pompini    1
cos’e una pergamena    1
l’uomo vule chiavare    1
pompino a un cavallo    1
pompino in piscina    1
donne piscio    1
pergamena di laurea    1
pergamena della bestia    1

Comments (2) »

Del come e del perché la pergamena di laurea non è d’ausilio nel momento del bisogno

Non avrei mai pensato di utilizzare questo blog parlando della mia vita e vi assicuro, amici miei e non della ventura, che è la prima ed ultima volta. Però almeno stavolta dovete concedermelo.

Ricordo una sera, era tardi, guardavo “I laureati” su rai 3, compianto programma della premiata coppia paolo rossi / piero chiambretti… se non vado errato ero iscritto al primo anno di università, tanti sogni e tante speranze in testa, la quasi matematica certezza che stessi seguendo un percorso verso un avvenire glorioso e pieno di soddisfazioni. Ricordo che salì sul “pulpito” un rettore di una università di non so dove, non importa. Mi colpì perché disse una frase che da un lato mi rincuorò e dall’altro lato mi diede una forza interiore e mi spronò a fare del mio meglio. Disse: “Riuscirete a centrare tutti gli obiettivi che vi siete preposti se studierete come delle bestie“.

Questa frase mi aiutò molto. Mi persuase che tutti i sacrifici che stavo facendo non erano vani: sempre chiuso in casa a capo chino sui libri a cercare di capire qualcosa di analisi matematica 1, nessun hobby, nessun amico, nessuna ragazza, sempre chiuso in casa… Solo lo studio era importante per me. Intere settimane passate a casa perché in quel periodo non c’erano corsi. Le parole di quel rettore mi persuasero che stavo facendo la cosa giusta: grazie a quei sacrifici avrei centrato tutti i miei obiettivi. Sì, stavo davvero facendo la cosa giusta: dovevo studiare come una bestia. E, devo dire, trovai nuova forza in quelle parole e iniziai ad intensificare i miei studi, eliminando qualunque distrazione. Ero un topo da scrivania, se mi fate passare la definizione. E i miei sacrifici sono anche stati, nell’immediato, ricompensati. Se penso alla mia carriera universitaria la ricordo ricca di soddisfazioni. Tra l’altro, con gli anni, ho anche trovato un equilibrio tra lo studio e un minimo barlume di vita sociale, qualche hobby, qualche fidanzata, etc. Ma la costante dei miei sette anni universitari (e ci si ostina a pensare che ingegneria sia una laurea quinquennale!) è stata sempre e solo una: la certezza che dovevo studiare come una bestia.

Morale della favola: mi sono laureato in ingegneria informatica con 110 e lode, con una media di esami del 29 spaccato, anzi con qualche spicciolo. Pensate che per calcolare il voto di partenza nella mia facoltà si fa mediavoti*4-4. Io partivo da 112. Il presidente della commissione, tra l’altro mio relatore, mi disse: “Purtroppo non possiamo darle 112″. Peccato, 2 punti buttati. Non ero neanche troppo vecchio: avevo compiuto 25 anni da meno di un mese. Tutto sommato, le mie piccole soddisfazioni le ho avute.

Il problema è venuto dopo. Mi aspettavo, come uno stupido ingenuotto, che i miei enormi sacrifici mi avrebbero dato un lavoro entusiasmante, ben retribuito, una posizione rispettata, una professionalità riconosciuta. Tutte speranze puntualmente disilluse.

E pensare che dovevo riternermi fortunato: ho iniziato a lavorare 15 giorni dopo la mia laurea, evitando il militare e facendo il lavoro per cui avevo studiato. Il contratto era a tempo indeterminato. Posizione invidiabile. Peccato che avevo firmato le dimissioni anticipate da lì a 9 mesi che potevano essere impugnate dal datore di lavoro in qualunque momento. Peccato che ero inquadrato come quinto livello metalmeccanico e guadagnavo meno di mille euro al mese. E sono stato fortunato: oggi i neolaureati devono farsi almeno un anno di stage dove vengono pagati circa 100 euro al mese per fare da schiavi, da segretari, da facchini… oggi i contratti a tempo indeterminato non esistono più, la tanto decantata flessibilità regala sempre più incertezze e precarietà. E poi se ne vengono dicendo che la legge Biagi ha creato tre milioni di posti di lavoro. Beh, è facile se ogni 6 o 9 mesi crea altrettanti disoccupati… E’ facile far emergere il lavoro nero se si danno sgravi fiscali ad aziende che pagano quattro soldi un laureato alla prima esperienza lavorativa: è conveniente per le aziende, ma per il lavoratore… Il lavoro dipendente è la schiavitù dei nostri giorni. Gli imprenditori di oggi sono i latifondisti di ieri.

Morale della favola: mi pento amaramente di essermi laureato. Se avessi iniziato a lavorare nel settore informatico quando mi sono iscritto all’università, nel 1995, oggi avrei 12 anni di esperienza e avrei vissuto il periodo del boom della professione, dove ancora in pochi facevano questo lavoro e dove si era guardati con rispetto perchè si riusciva a “parlare” a quei mostri di personal computer. Oggi mi trovo con una laurea inutile: una professione inflazionata in un mercato perennemente in crisi che sta facendo dei suoi “professionisti” una classe operaia più sfruttata e bistrattata e senza il minimo diritto. I sindacati non esistono. Albi professionali meno che mai. Tutela della professione zero. Imbarbarimento della professione continuo (tutti fanno i programmatori, ma ormai anche gli analisti e i progettisti: tutti). L’informatico è l’operaio del nuovo millennio: peggio c’è solo l’operatore di call center e anche su questo potrei nutrire dei dubbi. Ma mentre l’operaio finito il turno andava a casa l’informatico fa straordinari gratis e mentre fa la doccia continua a pensare al problema che ha incontrato il giorno prima o a quello che dovrà fare appena arrivato in ufficio. Questo è davvero un lavoro usurante, non altri.

Morale della favola: dopo quasi cinque anni di onorata carriera mi sono dimesso. Preferisco fare il disoccupato. Ricomincio da zero. Cambio lavoro, cambio vita, cambio tutto. Tengo una favolosa laurea appesa al muro. Peccato che la pergamena sia troppo rigida per pulirmici il culo.

Tanto Vi dovevo.

Comments (15) »

Sono rimasto incastrato al Robosuck durante un orgasmo particolarmente intenso

robosuckMentre provo a liberarmi guardatevi le statistiche del blog.

Oggi

peni 7
lorimeri 1
fessa 1
estasi 1
piercing cappella 1
avvocato cause perse 1
donne famose papere 1
john holmes immagini 1

Ieri

chiavata 2
gugol emule 1
fessa 1
bertallot uomo nuovo 1
PATATINE DONNE BAGNATE 1
l’arte del pompino 1
eretti 1
peni eretti 1

Leave a comment »

Ringraziamo la V flotta dell’Amm. Clark per non averci concesso manc o’ kazz

Premetto che sborserò io stesso il corrispettivo in euro delle piattole ammaestrate che ho testè prestato al Circo Du Pucchiacchell a chi mi saprà dire con precisione da dove cazzo ho preso la citazione del titolo.

Ma non finisce qui. Andiamo ad esaminare un po’ come è entrato il popolo di gugol sul ns blog.

Ieri

Manuali per avere carisma gratis 2
cazzo affettato 1
lorimeri 1
festivalbar 1990 1
fessa 1
club amici della fica 1
pompino ad un cavallo 1
la prima chiavata 1
peni 1
estasi 1

Esaminiamo i seguenti fenomeni:

  •  Manuali per avere carisma gratis: gratis si riferisce all’avere carisma o ai manuali? E’ qualcuno che cerca manuali gratis per avere carisma o cerca manuali per ottenere gratis codesto carisma?
  • cazzo affettato: questo soggetto cerca un pene fatto a fettine, tipo salame milanese o prosciutto di Parma oppure cerca un cazzo dall’atteggiamento costruito e poco naturale?
  • club amici della fica: se esiste, spero di diventare socio onorario
  • pompino ad un cavallo: l’animalsex non tramonta mai
  • la prima chiavata: non si scorda mai

amo tutti voi, miei prodi kamikaze.

Sui giovani d’oggi ci scatarro su. 

Comments (1) »

L’estasi della minchia

001.jpgNon smette di stupire/Ce lo aspettavamo il calendario di Fabrizio Corona. Cosa c’è di meglio di vedere un bel ragazzo ipertatuato che fa il verso a Weber e alla sua Herzigova, un po’ mafioso in cucina… un po’ tenero papà? Certo i temi ci sono tutti, quale donna non vorrebbe scopare tutte le sere con cotale stallone. Pensate poi una sera scoprire il suo nuovo tatuaggio, quel 106 su pettorale scolpito… estasi, sorpesa o imbarazzo quando Fab (come lo chiami tu nell’intimità un po’ diminutivo del suo nome, un po’ abbreviazione dell’inglese fabulous) ti racconta il motivo del numero. 106 sta per i giorni che è rimasto in carcere, non resta che provare a leccarghi il petto per provare a vedere se si cancella e lenire così le sue pene.

Tanto era meglio che mi risparmiavo.

Comments (26) »

Chiacchere e tabacchiere di legno il Banco di Napoli non le Impegna!

Ieri

estasi carne 4
estasi della carne 2
peni 2
senza incanto 1
il pompino più bello della 1
festivalbar 1990 1
Pucchiacca 1
papelo 1
estasidellacarne 1
jhon holmes attore 1

Comments (6) »

Un avvocato che ha il piercing sulla fessa è ancora un buon avvocato?

La domanda nasce dall’esame delle immancabili statistiche di questo blog e si pone come un dubbio esistenziale che attanaglia le menti e le coscienze dei giovani d’oggi.

Oggi

estasi 3
L’uomo che tiene il volante 1
Statistiche sui pompini 1
chiavata 1
estasi della carne 1
cause per avvocato 1
piercing sulla fessa 1

Come vedete, tutto sommato questo blog fa anche informazione e servizio di utilità sociale.

L’erba ti fa male se la fumi senza stile.

Comments (5) »

Morire sotto a un cavallo… ci vediamo in paradiso, se esiste e sinnò che ce ne fotte a nuij nun c’ vdimm cchiù, è quello che mi dispiace

Questo post è dedicato a Papele. Papè, perché sì muort?  Papè, perché sì muort?  Papè, perché sì muort???? E adesso a me chi m’ chiava? CHI? CHI M’ CHIAVA A ME?

Per saperne di più su Papele e sulla sua tragica scomparsa (sei passato col giallo e mo l’assicurazione nun ce rà manc o’ cazz… Papè perché sì muort???) guardate il video qui sotto

Dopodiché, per approfondire l’argomento Papele, vi incollo anche una famosa poesia di Bigazzi-Pace-Savio, intitolata Tombeado:

Cumm ir bell!
Vulivi a fella ‘e carne e t’a facevo… vulive ‘i ‘o bar e te facevo ‘i
Qualche volta hai sbagliato
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
Eri bello mi piacevi, eri una cosa terrificante
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
O vero… quacche volta hai sbagliato ma senza fare niente di male a nessuno
Ce l’hai miso ‘n culo ‘o macellaio ma per pochi soldi
Papè m’hai lasciato qua cu trentuno figli che n’e ffaccio m’e mmagno?
Il primo fa ‘o ricuttaro
Il terzo… e tu mi dici il secondo il secondo non c’è più Papè tu non te lo sei dimenticato io so’ abortita a Natale, il ventitré è o ver ‘o ventiquattr a vigilia, ma a me che me ne fotte, io ti voglio bene Papè!
Papè pecché si mmuort, Papele perché sei morto?
C’avevo anche una bella cosa per te…te l’avè fa vedè a zizza rifatta a Zurigo, si poteva rinverdire tutto il nostro amore e tu si mmuort comm a nu strunz sotto a nu cavall, Papele…
Ma pecché? C’era anche il giallo, se c’era rosso perlomeno qualcosa dall’assicurazione pigliavamo, ma col giallo non pigliamo manc’ ‘o cazz, Papele!
A pensare che aveva fatto affidamento su di te il maresciallo Ambresi che s’era trasferito, ha ditto: “I faccio una combutta co’ Papele mettiamo un commercio di chiattilli,” sì, di stu cazz! Manco il Mom possiamo comprare! Papè pecché si mmurt? Papelo!
E ridi un poco! Ridi un poco! Ehh… hai ragione Carmelina, quello non può ridere Papè è mmuort…mò come faccio senza Papele? Non me lo portate via, lasciatemelo qua un giorno perché tre pò feta! Lasciatemelo qua! Cumm sì bell! T’aggià dà nu’ vas!
Tiè, tieni, madonna mia, madonna mia, madonna mia, madonna mia, madonna mia!
Faciteme ‘i ca me straccio tutte ‘e capille!
È un crescento, è un crescendo di doloro! Purtatammell via a Papele, come hai fatto a farmi questo danno? Sembra ieri che stavi qui! Dove sei oggi?, dove sei oggi? all’aldilà?, all’aldilà all’aldiqua?…. Uuhhh Papepelo Papele Papele mio! statt bbun ci vediamo in paradiso, se esiste e sinnò che ce ne fotte a nuij nun c’ vdimm cchiù, è quello che mi dispiace.
Addì Papè, addio, ma ci rivedremo, tò prumett! Te lo dice Concettina Tramortato! Ciao Papè, ciao Papè, ciao Papeleee…!  

Questo post è finora il momento più alto di questo blog. Non faccio per vantarmi, ma estasidellacarne è anche cultura. Sì, perché la cultura è anche questo, è anche la lirica commiserazione di una persona cara venuta tragicamente a mancare. E adesso a me chi m’ chiava? CHI?

Comments (1) »

Donne, se vi trovate sulla metropolitana di Napoli e ad un certo punto vi sentite bagnate tra le gambe allora vuol dire che avete incrociato quest’uomo

Estasi simpsonsizzatoAmiche mie e non della ventura, ebbene sì, lo so: non è affatto facile essere donne.

Siete nella metropolitana di Napoli, affollata e olezzante di sudore stantio come piscio rancido. Ad un certo punto vi passa accanto un uomo (vedi la foto a sinistra). Iniziate d’improvviso a grondare umori vaginali come se piovesse durante una devastante alluvione.

Non vi preoccupate: avete appena incrociato Estasi mentre va a lavoro. E’ normale.

Per tranquillizzarvi, ho deciso allora di pubblicare una mia foto in modo che possiate più facilmente riconoscermi.

E ricordate: c’è chi si mette degli occhiali da sole per avere più carisma e sintomatico mistero (cit.).

Ciò detto veniamo alle statistiche di ieri:

Ieri

estasi della carne    6
chiavare    2
carne    2
il pelo della fica    1
maschi con la fessa    1
una web chat veramente peccaminosa    1
piercin sulla cappelle    1
pasta e patate con provola    1
estasidellacarne    1

E poi, ringraziando Asia per la cordiale e tempestiva collaborazione, gioisco all’idea di lasciarvi con l’inno del 2007:

Spiderpork, Spiderpork,
il soffitto tu mi sporc.
Tu mi balli sulla test,
e mi macchi tutto il rest.
Tu quaaaaaaaaaa
ti amo Spiderpork…!”.

Comments (4) »

Di peni eretti son pieni i retti

Questo simpatico titolo, che è peraltro una piccola citazione (ma col cazzo che la scoprire, voi, cerebrolesi dal neurone pigro), vengo qui a riportarvi le statistiche delle ricerche su gugol che hanno portato su estasi in questi due dì. Sono giorni difficili, in cui è meglio che i fatti prendano lo spazio delle parole e che le parole se ne vadano un po’ a farsi fottere. Quindi nessuno sfoggio di sicumere linguistiche come orpelli vaginali o prepuziali, come ad esempio simpatici anellini o piercing sulla cappella o sulle piccole o grandi labbra, etc. Niente di tutto ciò, sarà meglio cedere al silenzio quel che ancora resta da esprimere.

Oggi

clito fella    2
chiavata    2
Brenzario    2
NON SPARGERE IL SEME MASCHILE BIBBIA    1
lorimeri    1
cadea carne di cavallo    1
“vogliose”    1
belle in carne    1
PASTA E PATATE CON PROVOLA    1

Ieri

estasi della carne    3
l’estasi    3
TI CHIAVO    2
vogliose    1
merda    1
estasi    1
chiavata britney spears    1
PODCAST MARINETTI    1

Per fortuna, estasidellacarne è anche questo.

Leave a comment »

E’ inutile voler fare l’attore impegnato se ti chiami John Holmes e ce l’hai lungo 30 centimetri

Noto con profondo dispiacere che il post sulle Lorimeri è andato deserto. Allora meglio tornare al disimpegno più totale e nulla funziona meglio, in tal senso, delle statistiche del blog:

Oggi
statistiche sui pompini 1
chiavata 1
pompino all’ordine del giorno 1
estasi 1
tette 1
fmf gang 1
Ieri
estasi della carne 4
tangoo 1
gelosia floria tosca 1
IMMAGINI DI PERSONA CHE MANGIA IL CALIPP 1
BELLE FORME 1
carne 1

La palma d’oro di questa due giorni di ricerche su gugol la darei a chi ha cercato “pompino all’ordine del giorno“. Tanto di cappella. Ma niente male anche chi cerca le “statistiche sui pompini“. Che tipo di indicatori poteva mai cercare il nostro avventuroso visitatore in merito alle pratiche orali?

Comments (1) »

La favolosa musica del 1990 proiettata nei giorni nostri come un clitoride volante

Le Lorimeri Queste due ragazzette che sembrano uscite da un circo o da un teatro lesbo di seconda mano dopo una rappresentazione in chiave brechtiana di “Annarè” di Gigi D’Alessio si chiamano – o dovrei dire si chiamavano – Lorimeri.

Pensate che queste ragazzette (alcuni dicono italofrancesi) tome tome cacchie cacchie nel 1990 arrivarono in finale al Festivalbar che si giocarono contro… pensate un po': Ligabue.

Il loro cavallo di battaglia si chiamava “Tell me why (te ne vai)” e parlava di un tale che infilava termini o locuzioni in inglese dovunque rendendosi insopportabile fino a dirgli: “Te ne vai o no?”. Insomma un testo di un certo calibro, con una musica pseudo-rap molto Jovanotti ante litteram tipo “La mia moto” o cose ben peggiori. Un’altra canzone se non ricordo parlava di due amiche o cose così. Sono passati ormai 17 anni, sembra sempre più un’eternità. Eppure io ancora mi ricordo quando ascoltavo la radio in modo ossessivo-compulsivo in cerca di nuovi stimoli (all’epoca era il mio periodo di accanimento per Radio Kiss Kiss Network ed in particolare per Gianni Simioli, soprattutto quando faceva coppia con Roberto Russo: ineguagliabili nel loro A tutte le auto della pulizia)… ancora dovevo scoprire il rock, quello vero, anche se già avevo amato ed amavo i Beatles… Alla fine se ci penso da bambino io ascoltavo solo i Beatles e gli Squallor… questa è stata la mia fortunatissima formazione intellettuale e la rivendico.

Beh, torniamo alle Lorimeri: queste donne sono svanite nel nulla.  Nessuno sa quali fossero i loro veri nomi, nessuno sa dove siano ora, cosa fanno… Beh, è incredibile la caducità del successo: finale del Festivalbar nel 1990 e poi il dimenticatoio assoluto. In pochi si ricordano chi siano state queste due pittoresche fanciulle, queste due pazzoidi che “cantavano” (virgolette obbligatorie) divertendosi come delle matte delle robe su cui oggi sarebbe impossibile scommettere più di due lire, ma anche meno.

Dal pulpito di Estasi, lancio un accorato APPELLO: chi ha notizie, di qualsiasi tipo, delle Lorimeri, è pregato di lasciare un commento.  

Chi non ha notizia o non ha idea di chi fossero state queste due matte, può ugualmente lasciare un commento non è che gli si spalma la merda in faccia per questo…

Comments (28) »

L’estasi in carne

Ed ecco il momento che tutte le frequentatrici di questo blog ed i frequentatori con strane tendenze stavano aspettando: direttamente dal laboratorio dove nasce questo blog, un video di estasidellacarne mentre scrive il suo ultimo post.

Dannatamente autoreferenziale.

L’estasi in carne ed ossa

Comments (18) »

Oggi giochiamo all’avvocato delle cause perse: Clemente Mastella e Britney Spears

Amici miei e non della ventura, la carne non è acqua.  Pertanto,  si rende necessario, anche su questo blog disimpegnato, provare a parlare di due scottanti argomenti di attualità.

E Mastellone viaggia a spese mie: indignarsi perchè un politico (Mastella, nella fattispecie, ma uno qualunque sarebbe uguale) vola a spese dei cittadini per suo diletto, mascherato o non mascherato da un impegno diplomatico e bla bla bla non importa, equivale ad accusare Cicciolina di aver peccato per essersi fatta un ditalino nella sua vita. Amici miei e non della ventura, io non sono affatto indignato per queste inezie. C’è ben altro.

La politica italiana si basa su una sola cosa: il voto di scambio. Quello che mi indigna non sono i privilegi della politici, ma come gli elettori vivano il proprio rapporto con la politica. Una volta era partecipazione infervorata, c’era la volontà di lottare e finanche morire per delle idee. Oggi, con la morte e la sepoltura delle ideologie (e c’è chi dice che è un bene!!!) tutto questo non esiste più. L’appartenenza a un partito è sempre più raramente legata all’effettiva convinzione che in quel partito ci siano persone in gamba, oneste e brave ad amministrare il Paese. No: l’appartenenza ad un partito, oggi, è quasi sempre subordinata a qualche piacere che si è ottenuto o che si dovrà ottenere. C’è sempre un tornaconto.

Qualche mese fa in Campania circolava una specie di Manuale Cencelli delle cariche regionali, tipo corecom, asl, fondazioni varie, etc.: uscì su qualche giornale si fece un giorno di polemica poi tutto tacque. Ed è ovvio che tutto tacque: è ormai all’ordine del giorno la spartizione dei posti di potere, il cosiddetto spoils system. Ma questo vale ai vertici dei nostri amministratori come alla base degli elettori. Gli enti pubblici si moltiplicano (comunità montane in comuni sul livello del mare, enti per la protezione delle loffe delle farfalle e amenità varie) non solo per accontentare qualche potente, ma anche e soprattutto per stipendiare qualche “amico di parente di fratello di figlio di … etc.”: la cosa pubblica è uno stipendificio vergognoso e di questo nessuno se ne indigna. E quel professore, come si chiama, ah sì Ichino, viene massacrato solo perché propone di ottimizzare le professionalità pubbliche (o quel poco che ne resta). Lo dovrebbero fare papa a Ichino e invece tutti i giorni viene massacrato.

Eppure, amici miei e non della ventura, ce la prendiamo con i politici e Grillo porta in piazza centinaia di migliaia di persone per lamentarsi della politica. L’iniziativa di Grillo è sacrosanta, sicuramente andrebbero mandati tutti a fare in culo, ma poi saremmo punto e da capo: il problema è la base, il problema sono gli elettori, i politici lo sono di riflesso. Tra posti pubblici, consulenze, incarichi di vario tipo, favori, piaceri, raccomandazioni, segnalazioni per andare a lavorare in posti privati, appalti dati ad aziende non per la capacità tecnico-economica ma per le loro conoscenze potenti, gli elettori sono molto più corrotti dei politici che vanno criticando.  Allora è inutile indignarsi per Mastella che vola gratis: lui, come tutti gli altri, sta lì perché noi l’abbiamo voluto lì. E noi questi politici li vogliamo lì perché ci hanno fatto o perché contiamo ci facciano qualche favore. E’ inutile prendersi in giro: un vaffanculo se lo meritano, ma poi è meglio che stiano lì, che non si sa mai devo sistemare mio figlio, mio nipote o devo avere quella consulenza a cui tengo tanto…

Britney Spears fa terrorismo alimentare agli MTV Video Music Awards: l’hanno massacrata, la porvera Britney. Povera per modo di dire, visti i miliardi che ha guadagnato e che guadagna e cha guadagnerà. Insomma, questa donna, dopo aver sfornato un po’ di prole, anche se fuori forma ha le palle di salire mezza nuda su un palco a cantare e a muoversi, seppur un po’ peggio del solito. L’hanno massacrata.  Ed è una cosa davvero ingiusta: Britney è stata molto coraggiosa e se n’è fregata altamente di non essere perfettamente in forma. E chi fino ad ieri le sbavava addosso ora la critica? Davvero vergognoso. Prima di tutto perchè Britney Spears, anche se fuori forma, è pur sempre bellissima. Ed in secondo luogo perché Britney ha sfatato un mito, cioè quello della ragazza sexy perfetta, tutte le curve a posto, sempre in perfetta forma: la vita reale non è questo e Britney ce l’ha ricordato dal palco. Gli stereotipi di una bellezza sempre asciutta e tonica sono solo da prime pagine di Vogue o riviste del genere: la vita ti porta a fare dei figli, ad essere fuori forma, semmai anche a chiuderti in un centro di disintossicazione, a rasarti tutti i capelli e semmai a scappare. La vita è anche questo e se una donna ha il coraggio di riaffermarlo salendo seminuda su un palco, beh, complimenti.

Bene, ho completato le mie arringhe. Ora la parola passa all’accusa.

Comments (9) »

Incantarsi guardando le statistiche di questo blog

Caro uomochedorme,

non ti risponderò, perché non vorrei che questo blog prendesse una piega troppo seriosa. Quanto dici è in parte sacrosanto, in parte bisognerebbe rifletterci ancora… Che il progresso tecnologico sia un’opportunità può esser vero, ma… Basta ho detto che non rispondevo! Concordo sul fatto che i futuristi non sono solo paraculi: hanno cambiato l’arte e le loro opere, principalmente quelle pittoriche, hanno talune punte di eccellenza. “A 300 Km/h sulla città” di Gerardo Dottori è uno dei miei quadri preferiti. Ma ora basta così e veniamo al vero motivo del post. Amo chi entra su questo blog arrivandoci da gugol, perché regala sempre piccole perle. Alcune sono le seguenti:

Oggi

troia in carne    2
come va in estasi donna sagittario    1

Ieri

vogliose    2
club delle tettone    1
CHIAVATA    1
estasidellacarne    1
pratica onanistica    1
voglio vedere l’uomo che tromba di più     1
estasi    1

Grazie a voi tutti, bei porcelloni gugolisti.

Comments (10) »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.