Morire sotto a un cavallo… ci vediamo in paradiso, se esiste e sinnò che ce ne fotte a nuij nun c’ vdimm cchiù, è quello che mi dispiace

Questo post è dedicato a Papele. Papè, perché sì muort?  Papè, perché sì muort?  Papè, perché sì muort???? E adesso a me chi m’ chiava? CHI? CHI M’ CHIAVA A ME?

Per saperne di più su Papele e sulla sua tragica scomparsa (sei passato col giallo e mo l’assicurazione nun ce rà manc o’ cazz… Papè perché sì muort???) guardate il video qui sotto

Dopodiché, per approfondire l’argomento Papele, vi incollo anche una famosa poesia di Bigazzi-Pace-Savio, intitolata Tombeado:

Cumm ir bell!
Vulivi a fella ‘e carne e t’a facevo… vulive ‘i ‘o bar e te facevo ‘i
Qualche volta hai sbagliato
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
Eri bello mi piacevi, eri una cosa terrificante
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
Papè pecché si mmuort?
O vero… quacche volta hai sbagliato ma senza fare niente di male a nessuno
Ce l’hai miso ‘n culo ‘o macellaio ma per pochi soldi
Papè m’hai lasciato qua cu trentuno figli che n’e ffaccio m’e mmagno?
Il primo fa ‘o ricuttaro
Il terzo… e tu mi dici il secondo il secondo non c’è più Papè tu non te lo sei dimenticato io so’ abortita a Natale, il ventitré è o ver ‘o ventiquattr a vigilia, ma a me che me ne fotte, io ti voglio bene Papè!
Papè pecché si mmuort, Papele perché sei morto?
C’avevo anche una bella cosa per te…te l’avè fa vedè a zizza rifatta a Zurigo, si poteva rinverdire tutto il nostro amore e tu si mmuort comm a nu strunz sotto a nu cavall, Papele…
Ma pecché? C’era anche il giallo, se c’era rosso perlomeno qualcosa dall’assicurazione pigliavamo, ma col giallo non pigliamo manc’ ‘o cazz, Papele!
A pensare che aveva fatto affidamento su di te il maresciallo Ambresi che s’era trasferito, ha ditto: “I faccio una combutta co’ Papele mettiamo un commercio di chiattilli,” sì, di stu cazz! Manco il Mom possiamo comprare! Papè pecché si mmurt? Papelo!
E ridi un poco! Ridi un poco! Ehh… hai ragione Carmelina, quello non può ridere Papè è mmuort…mò come faccio senza Papele? Non me lo portate via, lasciatemelo qua un giorno perché tre pò feta! Lasciatemelo qua! Cumm sì bell! T’aggià dà nu’ vas!
Tiè, tieni, madonna mia, madonna mia, madonna mia, madonna mia, madonna mia!
Faciteme ‘i ca me straccio tutte ‘e capille!
È un crescento, è un crescendo di doloro! Purtatammell via a Papele, come hai fatto a farmi questo danno? Sembra ieri che stavi qui! Dove sei oggi?, dove sei oggi? all’aldilà?, all’aldilà all’aldiqua?…. Uuhhh Papepelo Papele Papele mio! statt bbun ci vediamo in paradiso, se esiste e sinnò che ce ne fotte a nuij nun c’ vdimm cchiù, è quello che mi dispiace.
Addì Papè, addio, ma ci rivedremo, tò prumett! Te lo dice Concettina Tramortato! Ciao Papè, ciao Papè, ciao Papeleee…!  

Questo post è finora il momento più alto di questo blog. Non faccio per vantarmi, ma estasidellacarne è anche cultura. Sì, perché la cultura è anche questo, è anche la lirica commiserazione di una persona cara venuta tragicamente a mancare. E adesso a me chi m’ chiava? CHI?

1 Response so far »

  1. 1

    UOMOCHEDORME said,

    Mi mancano le parole… una giornata mi merda rivalutata sul crinale da questa perla. Grazie Estasi!!!


Comment RSS · TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: